Focus

Fuori dal Centro
Edizione 2021

FOTOGRAFICA – Festival di Fotografia Bergamo presenta “FUORI DAL CENTRO” III edizione – 2 ottobre – 1 novembre 2021 a Bergamo c/o Monastero del Carmine e Daste – Ex Centrale Daste e Spalenga

Da non luogo a fucina creativa: la partita per la rinascita urbana e sociale si gioca anche ai margini delle città. Un tempo solo metafora di malessere e degrado sociale, la periferia può diventare fonte di riflessione e innovazione e nuovo punto di riferimento per la condivisione di esperienze. La periferia in tutte le sue espressioni è il tema proposto dall’edizione 2021 di FOTOGRAFICA. Festival di Fotografia Bergamo che proprio in due luoghi simbolo della rigenerazione urbana bergamasca presenta 9 mostre, workshop, iniziative.

Basilico, Bulaj, Faraci, Ramazzotti, Diffidenti, Alessi, Podavini, Bispuri, Ducke, Rota i nomi in esposizione, in un ideale percorso esplorativo di tutti i “luoghi non luoghi”: urbani, dell’anima, sociali, intimi, creativi, diversi.

La periferia avvolge l’anima di chi è costretto ai confini delle città ma è anche linfa creativa e impulso vitale di coloro che ne vedono un’opportunità per progettare, per condividere, per migliorarsi. E proprio la periferia, in tutte le sue poliedriche forme, è il cuore pulsante dell’edizione in arrivo di Fotografica – Festival di Fotografia Bergamo, manifestazione che avrà luogo a Bergamo dal 2 ottobre all’1 novembre.

Una terza edizione che vuole essere non solo un evento culturale, ma anche un punto di partenza per una riflessione collettiva, mantenendo salda la sinergia con il territorio e con gli Enti e le Istituzioni, negli anni sempre più presenti ed attivi a riguardo. Una presa di coscienza della situazione economica e sociale che interessa i contesti ai margini, un’interessante testimonianza di come vengano vissute oggi le periferie.

 

Un fil rouge tematico che interesserà due luoghi simbolo della città di Bergamo: l’ex-centrale elettrica Daste e Spalenga, oggi Daste.

Imponente e solitaria testimonianza dell’economia manifatturiera del secolo scorso Daste è divenuta, a seguito di un importante intervento di riqualificazione, sede di prestigio per lo sviluppo culturale e ricreativo con sale di proiezioni, spazi per il coworking, attività istituzionali e laboratori didattici di arti: uno spazio di socialità e aggregazione, oltre che innovativo motore di trasformazione urbana, sociale e culturale.

 

E il Monastero del Carmine a Bergamo Alta, un bene culturale pubblico di grande interesse storico ed artistico che dal 1996 è sede del TTB Teatro tascabile di Bergamo – Accademia delle Forme Sceniche.

Il Tascabile nel 2018 ha sottoscritto con il Comune di Bergamo il primo Partenariato Speciale Pubblico Privato in Italia per il recupero e la valorizzazione in chiave culturale del Monastero rendendone possibile l’utilizzo per manifestazioni culturali come, per l’appunto, Festival Fotografica.

Le mostre esposte:

 

“MALACARNE: KIDS COME FIRST” – Francesco Faraci – c/o Monastero del Carmine

 

“BROKEN SONGLINES” – Monika Bulaj– c/o Monastero del Carmine

 

“BARACCOPOLIS” – Sergio Ramazzotti– c/o Monastero del Carmine

 

“L’ALTRA FACCIA” TRA VERDELLINO, ZINGONIA E CISERANO – Giovanni Diffidenti– c/o Monastero del Carmine

 

“IL PICCOLO PAMIR AFGHANO” – Silvia Alessi – c/o Monastero del Carmine

 

“MiRelLa” – Fausto Podavini – c/o Monastero del Carmine

 

“PRIGIONIERI” – Valerio Bispuri – c/o Monastero del Carmine

 

“DIAGNOSI” – Emile Ducke – c/o Monastero del Carmine

 

“PHYSIS” di Cristian Rota – c/o Monastero del Carmine

 

“BERGAMO” – Gabriele Basilico – c/o Daste – Ex Centrale Daste e Spalenga

 

 

Ma non è tutto. Fotografica è anche eventi e workshop.

 

 

Eventi

in collaborazione con Molte Fedi sotto lo stesso cielo, rassegna culturale delle ACLI di Bergamo

 

Mondi e storie dietro le immagini, con Mario Calabresi, giornalista e scrittore

5 ottobre 2021 – Ore 20:45 c/o Daste – Ex centrale Daste e Spalenga – Bergamoacquista Biglietto

Arte, scienza, storia, attualità: la fotografia è entrata prepotentemente in molti aspetti della nostra vita sociale e della comunicazione, cambiando il nostro modo di pensare al passato, raccontare il presente, immaginare il futuro. Mario Calabresi, giornalista, scrittore e intellettuale incontrerà alcuni fotografi del Festival per conversare con loro intorno a come la fotografia cambi la nostra percezione di luoghi, fatti, avvenimenti, storie, persone.

 

Broken Songlines, spettacolo teatrale con Monika Bulaj (fotografa, reporter e documentarista)

27 ottobre 2021 – Ore 20:45 c/o Cinema Conca Verde – Bergamoacquista Biglietto

Monika Bulaj ha viaggiato con la macchina fotografica tra i confini spirituali, nei crocevia dei regni dimenticati, dove scintillano le fedi e le tradizioni dei più deboli e indifesi, con la loro resistenza fragile e inerme, la loro capacità al dialogo e all’incontro. In cammino con i nomadi, minoranze in fuga, pellegrini, anche nei luoghi più tremendi ha cercato il bello: la solidarietà nella guerra, la coabitazione tra fedi laddove si mettono bombe, le crepe nella teoria del cosiddetto scontro di civiltà, dove gli dei sembrano in guerra tra di loro, evocati da presidenti, terroristi e banditi. Al centro della sua ricerca è il corpo, che contiene il segreto della memoria collettiva: nell’arcaicità dei gesti si legge la saggezza arcana del popolo, la ricerca della liberazione attraverso l’uso sapiente dei sensi.

 

Conferenza “Periferia a memoria” – a cura di Museo delle storie di Bergamo

9 ottobre 2021 – ore 17:00 – 18:30 c/o Convento di San Francesco, Piazza Mercato del Fieno 6/a, Città Alta, Bergamo

 

Un incontro dedicato alla costruzione della memoria per immagini sulle periferie, un invito a guardare con maggiore attenzione. A partire dalla mostra “La Malpensata manda a dire” del 1979, realizzata con l’obiettivo di raccontare le vicende del quartiere grazie alla raccolta di materiale fotografico dei suoi abitanti, un percorso alla ricerca delle tracce delle periferie nell’Archivio fotografico Sestini. “Spicchi di storia quotidiana”, come scriveva Giovanni Mimmo Boninelli, a cui è dedicato l’incontro, in merito alla possibilità di uno sguardo di attenzione e cura alle periferie.

 

 

Workshop

“Raccontare Per Immagini”

E’ il workshop tenuto da Fausto Podavini (fotografo romano specializzato in reportage a sfondo sociale) dedicato a tutti coloro che intendono migliorare la fase realizzativa e progettuale di lavori fotografici a medio-lungo termine. O anche a chi semplicemente vuole iniziare a vedere la fotografia come racconto fotografico.

L’evento è organizzato in collaborazione con NessunoPress.

 

Proiezione Docufilm “Baraccopolis”acquista Biglietto

Un essere umano su sei, nel mondo, vive in una baraccopoli. Nel nostro paese sono migliaia. Sono tutti cittadini italiani, ma nemmeno l’Istat sa con precisione quanti: tutto ciò che ci dice è che almeno 53 mila persone in Italia vivono nei cosiddetti “alloggi di altro tipo”, ossia diversi dalle case: le cantine, le roulotte, le automobili, e soprattutto le baracche. Se questi dati sono così vaghi c’è un motivo. Una baraccopoli è un non-luogo che sorge sempre al confine. Al confine con la città degna di questo nome, con la civiltà, con le strutture che forniscono i servizi di base, spesso al confine con la realtà. E per chi è relegato lì dentro, anche se ha la carta d’identità italiana, di solito quel confine è invalicabile.

Baraccopolis, il docufilm di Sergio Ramazzotti e Andrea Monzani (prodotto da Parallelozero per Sky Atlantic), ci porta oltre quel confine, in una specie di viaggio conradiano che, giorno dopo giorno, arriva fino al cuore oscuro dello spaventoso mondo degli slum italiani.

 

“SHOOT – Workshop di SCATTO” con Valerio Buspuri

30/31 ottobre 2021 – c/o Luogo da definire – Bergamo

 

Il primo giorno di workshop sarà dedicato a una riflessione teorica sulla scelta della storia e su come affrontare il racconto che si vuole intraprendere, approfondendone l’aspetto emotivo, con l’idea che una grande fotografia non è mai casuale ma sempre frutto di un percorso interno, di una propria immagine interiore. Il secondo giorno sarà caratterizzato dall’attività sul campo. Immerso in una location urbana il partecipante avrà la possibilità di costruire una storia fotografica con il sostegno di Valerio. Il terzo giorno verranno infine analizzati i lavori dei partecipanti realizzati in questa occasione, per comprendere quali sono gli aspetti su cui lavorare e migliorare.

FOTOGRAFICA Festival di Fotografia Bergamo , sostiene il progetto di riqualificazione in chiave culturale del monastero del Carmine inteso come luogo di condivisione per la ricerca, la formazione, la produzione artistica in una prospettiva multidisciplinare e internazionale. #tuocarmine è promosso dal Teatro tascabile di Bergamo in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Per saperne di più visita il sito: https://carmine.teatrotascabile.org/